Parma / Uncategorized

La conoscenza di sé come processo cooperativo. Il 29 marzo a Idee in Bozza

Non perdetevi il terzo appuntamento di Marzo con Idee In Bozza! Speaker del prossimo incontro sarà Matteo Santarelli (UNIBO), che con la sua presentazione dal titolo “La conoscenza di sé come processo cooperativo” chiuderà questo mese di incontri dedicati al tema della soggettività.
Vi aspettiamo numerosi Venerdì 29 Marzo alle 12:30 presso l’aula A1 del plesso di Lettere e Filosofia in via D’Azeglio 85 (Parma).

Idee in bozza è un ciclo di seminari promosso dagli studenti di filosofia dell’Università di Parma a cui tutti possono partecipare come relatori o uditori. Il nostro è uno spazio per esercitarsi nell’esposizione di tesine/progetti di tesi/progetti di dottorato/paper, e un’occasione per ricevere feed-back e consigli. Idee in bozza valorizza il confronto e la discussione informale e simposiale.

Ecco l’abstract:
“Il problema della conoscenza di sé interroga la filosofia sin dai suoi esordi – pensiamo al monito di Socrate: “conosci te stesso”. Oggi, tale questione pare difficile da affrontare in termini puramente filosofici. Le nuove scoperte in vari ambiti scientifici – scienze cognitive, psicologia, sociologia, antropologia, biologia – interrogano le nostre concezioni filosofiche della conoscenza di sé. Allo stesso tempo, la filosofia rappresenta ancora uno strumento utile per articolare, organizzare e ricostruire le conseguenze teoriche delle acquisizioni scientifiche.
All’interno di questa prospettiva multidisciplinare, verrà proposta una definizione della conoscenza di sé intesa come processo cooperativo. In primo luogo, verranno discussi alcuni antecedenti filosofici di tale concezione. Un particolare riguardo verrà riservato al pensiero pragmatista di Peirce, Mead, Dewey e Davidson. Due assunti pragmatisti in particolare giocano un ruolo cruciale nelle presente proposta: l’anti intuizionismo e la definizione sociale e pragmatica del rapporto con se stessi. In secondo luogo, verranno discussi alcuni contributi provenienti dalle scienze sociali che offrono importanti contributi in tale direzione: dalla sociologia (Durkheim e Goffman) sino alla psicoanalisi e alle sue più recenti e originali proliferazioni – teoria dell’attaccamento, teoria della mentalizzazione. Nella parte finale dell’intervento, si tenterà una prima ricostruzione di questi contributi, attraverso un confronto con alcune recenti acquisizioni nelle scienze cognitive.”

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s